Jobs Act, Arcigay: “Servono garanzie sul licenziamento discriminatorio.”

Jobs Act, Arcigay: “Servono garanzie sul licenziamento discriminatorio. Nessuna delega in bianco”Jobs Act, Arcigay: “Servono garanzie sul licenziamento discriminatorio. Nessuna delega in bianco”

 

Bologna, 8 ottobre 2014

Nella giornata in cui il Senato è chiamato a votare la legge delega sul Jobs Act, Arcigay esprime una “grande preoccupazione”.

“Il governo – dice il presidente di Arcigay Flavio Romani – sta mettendo al voto una delega in bianco che inietta di ambiguità e incertezza un ambito importantissimo della vita delle persone, facendo vacillare conquiste inalienabili dello Statuto dei lavoratori”.

“Questo è inaccettabile – dice Romani – sui diritti non esistono deleghe in bianco. Il Senato reagisca e rivendichi il suo ruolo nel processo legislativo di questo Paese: non venga delegato altrove quel delicato compito che i padri costituenti hanno messo in sicurezza attraverso la democrazia rappresentativa”.

“Il Governo ha il dovere di chiarire le norme sul licenziamento – incalza Romani – e di mettere al sicuro chi è già bersaglio di discriminazione da uno sciagurato passo indietro, se non addirittura uno smantellamento, nelle tutele che la legge italiana offre.

Se il Governo Renzi – conclude Romani – vuole un match a braccio di ferro con il Paese, che il Paese attraverso i suoi rappresentanti trovi la forza di vincere quel match”.

FONTE: www.arcigay.it/comunicati/jobs-act/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stop CISPA